Un cucchiaino di miele al giorno, leva la fame di torno

Un cucchiaino di miele al giorno, leva la fame di torno

Dopo la cioccolata, adesso è il miele a entrare nell’Olimpo degli alimenti che fanno perdere peso. La buona notizia arriva dal nuovo regime alimentare messo a punto in Gran Bretagna secondo cui basta mangiarne un solo cucchiaino ogni sera, prima di andare a dormire, per rimettersi in forma velocemente.

Miele

Secondo i dietologi britannici, infatti, le proprietà naturali del miele sarebbero in grado di scatenare cambiamenti al livello del metabolismo permettendo di bruciare più velocemente gli zuccheri durante la notte. E non solo. Mangiare del miele prima di andare a letto scatenerebbe nel cervello meccanismi in grado di fermare il desiderio di zucchero e di cibi a base di carboidrati. Insomma, sarebbe possibile perdere peso senza passare il tempo a contare le calorie, a cucinare verdure prive di sale o ad acquistare costosi preparati dietetici.

Il programma è stato messo a punto dal nutrizionista inglese Mike McInnes, il quale ha scoperto nel miele una preziosa combinazione di zuccheri che, invece che far ingrassare, aiuta a dimagrire senza soffrire. Già testato da star e personaggi noti, questo nuovo regime alimentare permette di mangiare senza problemi dolci, pane, muffin e biscotti: l’importante è che nell’impasto sia usato il miele al posto dello zucchero.

“Anche gli alimenti a basso contenuto di grassi apparentemente sani sono molto spesso pieni di zuccheri nascosti o di farina bianca – ha spiegato l’esperto -. Questo significa che il nostro livello di zucchero nel sangue resta intermittente per tutto il giorno. Il corpo affronta tale sovraccarico rilasciando l’ormone insulina, che filtra lo zucchero dal sangue e permette all’organismo di immagazzinarlo come grasso”. Un processo, questo, che con il miele sarebbe bloccato: “Questa sostanza naturale mantiene il livello di zuccheri abbastanza costante. In questo modo il cervello non avverte un’assenza e non si sente affamato. Così non invia all’organismo l’impulso di immagazzinare carboidrati”.

Ovviamente, non tutti sono d’accordo con McInnes. Secondo la dietista nutrizionista Tiziana Scruci, infatti, un alimento così dolce e rischioso soprattutto per alcune categorie di persone, come i diabetici, non può essere consigliato come regime di rieducazione alimentare.

“Qualunque dieta basata su un solo alimento alla lunga risulta inevitabilmente squilibrata. E questo discorso ovviamente vale anche per i regimi alimentari che si basano sull’assunzione dei soli carboidrati”. Secondo l’esperta, per dimagrire restando in forma, “la migliore dieta che sia mai stata messa a punto è quella mediterranea, quella alla quale noi italiani siamo abituati fin dalla nascita. È in assoluto la più sana ed equilibrata. A patto che tutti gli alimenti siano assunti con moderazione. E non dobbiamo mai dimenticare che ogni dieta deve essere personalizzata. Non esiste un regime alimentare valido per tutti”.

https://noigiovani.it

Lascia un commento