Bratislava, meta immancabile tra le grandi città dell’Est

Bratislava, meta immancabile tra le grandi città dell’Est

“Girando per la città, fra incantevoli piazze barocche e angoli abbandonati, si ha l’impressione che la storia, passando, abbia dimenticato qua e là tante cose, ancora piene di vita, che riaffiorano”.

Queste le parole di Claudo Magris per descrivere Bratislava.

Bratislava

Bratislava, capitale della Slovacchia dal 1993, è una bella città ordinata, pulita, tranquilla, ricca di storia e cultura, che la sera scalda la sua anima per buttarsi nel movimento notturno: tanti giovani, bellezze slovacche, considerate da molti le donne più belle d’Europa, e prezzi bassi fanno di questa città una meta di primo ordine.

Incastonata tra le colline dei Piccoli Carpazi e attraversata dal bel Danubio blu, Bratislava sorge non lontano dai confini dell’Austria, dell’Ungheria e della Repubblica Ceca. La capitale slovacca dista 50 km da Vienna, 200 da Budapest e 300 da Praga: è quindi una tappa immancabile in un tour delle grandi città dell’Est.

La capitale della Slovacchia sta acquistando la sua vera identità grazie ad un inarrestabile ammodernamento volto a scrollarsi di dosso 40 anni di immobilismo e grigiore comunista. I decori delle case signorili, il pastello giallo, rosa e azzurro dei palazzi rinascimentali, gli schizzi delle fontane e il suono delle campane del Vecchio Municipio stanno sfoggiando la vera anima di Bratislava.

Un patrimonio artistico di straordinaria ricchezza è custodito nel piccolo centro storico, lo Staré Mesto, un susseguirsi di viuzze e piazze costellate di monumenti, palazzi, musei e chiese. Il centro storico è stato oggetto di un accurato restauro nel XVIII secolo che l’ha finalmente riportato allo splendore della sua tradizione e reso ai pedoni.

Città Vecchia

L’ingresso alla Città Vecchia è segnato dalla caratteristica Porta di San Michele (Michalská brána), costruita nel 1300. È l’unica porta delle antiche mura medievali di Bratislava sopravvissuta fino ad oggi. Si presenta con un aspetto barocco ed ospita al suo interno il Museo di antiche armi. Qui si erge anche una torre con campanile di rame a forma di doppio turbante dal quale spiccano le statue di San Michele e il Drago, aggiunte a seguito delle ristrutturazioni avvenute nel XVIII secolo. Dall’alto della Torre potete ammirare uno splendido panorama di tutta la città.

Anche dalla cima del Castello di Bratislava potete godere di una vista stupenda sulla città, fino a scorgere anche

Castello di Bratislava

l’Austria e l’Ungheria. Il Castello di Bratislava si innalza sulla città dall’alto di una collina sul Danubio, dominando tutta la città. Costruito nel 913, la massiccia fortezza con la sua ruvida e incrollabile fedeltà di sentinella e con le sue quattro torri angolari e possenti che gli conferiscono il soprannome di ”tavolo rovesciato”, è stata ripetutamente danneggiata e ricostruita in stile gotico, barocco, rinascimentale per poi essere distrutta da un incendio nei primi anni del 1800. Ricostruita, dal 1993 con la conquista dell’indipendenza grazie alla separazione dalla Cecoslovacchia è diventata sede rappresentativa del Parlamento slovacco. Il Castello di Bratislava ospita nelle sue sale il Museo Storico.

Dal Castello, prendendo via Zidovska, potete attraversare quello che resta del Quartiere Ebraico, in gran parte distrutto per far spazio al Ponte Nuovo, nel quale si trova la “casa più stretta dell’Europa centrale” in stile rococò, che ospita il Museo degli orologi. Sulla stessa via potete fare visita al Museo della cultura ebrea.

La Città Vecchia di Bratislava si estende intorno a due belle piazze: Hviezdoslavovo Námestie e Hlavné Námestie, la piazza Principale.

Sulla Hviezdoslavovo Námestie, con le sue fontane e i suoi giardini, si affaccia il Teatro Nazionale Slovacco, un edificio neorinascimentale costruito nel 1886 secondo i progetti dei maestri viennesi Fellner e Helmer, in sostituzione del più vecchio edificio teatrale. Il Teatro Nazionale è riservato per l’opera, per il teatro e per il balletto. Davanti al teatro si trova una delle più antiche fontane della città, la fontana di Ganymede, opera di Viktor Tilgner del 1888. Questa grande piazza, che d’inverno diventa una gigantesca pista di ghiaccio e d’estate una scacchiera gigante, ospita anche il Museo della Filarmonica.

Hlavné Námestie

La Hlavné Námestie, la piazza Principale, è il cuore storico di Starè Mesto. Un tempo era il centro della città medioevale: sede del mercato, punto di raccolta, luogo delle celebrazioni e delle esecuzioni. Completamente ristrutturata secondo lo stile originario, oggi ospita le sue ambasciate, ristoranti e caffè all’aperto, come lo storico Kafé Mayer, dove slovacchi e turisti sorseggiano birre ad ogni ora del giorno di ogni giorno dell’anno. La Piazza Principale è il salotto della città: qui si tengono spesso concerti, manifestazioni pubbliche e mostre d’arte, e in particolare nel periodo natalizio si veste a festa con i tradizionali mercatini, che richiamano l’attenzione di molti turisti stranieri, e la notte di San Silvestro si organizza il “Partyslava”, che viene celebrato solitamente con concerti ed esibizioni dal vivo in attesa del nuovo anno.

La Piazza principale è dominata dal Vecchio Palazzo del Municipio, un edificio di pietra, il più antico della città, che oggi ospita il museo civico, che ricorda la ricca storia della città di Bratislava. La Torre Civica angolare che si erge accanto al Municipio del XII secolo, nel 1773, dopo un incendio, fu ricostruita con una facciata barocca e all’interno si è conservata una cappella gotica molto preziosa, con affreschi originali.

Fontana Rolandova

Sulla Piazza si affaccia la Fontana Rolandova del 1572 decorata con una statua dedicata a Roland, il mitico cavaliere difensore dei diritti dei cittadini. L’opera rinascimentale è anche conosciuta come Maximilánova fontána in ricordo di Massimiliano II d’Asburgo che ne finanziò la costruzione per garantire alla città una riserva d’acqua in caso di incendi. La statua del Cavaliere è avvolta da un alone di mistero. Una leggenda racconta che il cavaliere ogni Capodanno, e precisamente allo scoccare della mezzanotte, si gira e si inchina in direzione del municipio per rendere omaggio ai 12 membri del consiglio comunale che sacrificarono loro stessi per salvare la città; secondo un’altra leggenda invece, tutti i Venerdì Santo a mezzogiorno, il cavaliere abbandona la sua “postazione” per raggiungere i quattro lati della piazza dove agita la spada per mostrare alla città che è ancora sotto la sua protezione. Chissà forse riuscirete a scorgere i movimenti della statua.

Non stupitevi, invece, se passeggiando per la Città Vecchia, un buffo signore, Cumil il guardone, sbuca

Cumil il Guardone

improvvisamente da un tombino o un saldato napoleonico vi osserva da una panchina o ancora un Paparazzo vi fotografa o lo Schernitore affacciato ad una finestra ridacchia alle vostre spalle. Queste sono solo alcune delle bizzarre statue di bronzo che oggi sono diventate una delle attrazioni turistiche più importanti della città slovacca. E pensare che sono nate, e che di tanto in tanto continuano a spuntarne delle nuove, come un modo economico e simpatico per rivitalizzare il centro dopo la caduta del Comunismo.

Tutto il centro storico è dominato dalla sagoma della Chiesa di San Martino, la più bella costruzione di Bratislava. La cattedrale, in stile gotico, è stata costruita nel XV secolo sopra le rovine di una chiesa romanica.

Chiesa di San Martino

L’interno è diviso in tre navate: la navata di sinistra ospita la statua in piombo di San Martino dello scultore viennese Donner, che rappresenta il santo su di un cavallo nell’atto di donare parte del suo mantello ad un mendicante; negli anni 1732 – 34 l’arcivescovo Emmerich von Esterhazy fece collegare la navata sinistra con la cappella barocca consacrata a S. Giovanni Elemosiniere; nella navata di destra una targa ricorda che Ludwig van Beethoven diresse il 13 novembre 1835 la prima della Missa sollemnis. Sulla torre della Cattedrale troneggia poggiata su un cuscino dorato una copia della corona di Santo Stefano, re Ungherese, che ricorda le 19 incoronazioni celebrate nel Duomo tra il 1563 e il 1830

A Bratislava ci sono chiese considerate tra le più eleganti d’Europa e del mondo. Oltre alla Chiesa di San Martino, vi

Chiesa Blu

sono la Chiesa della Santissima Trinità del XVIII secolo, con all’interno pregevoli affreschi in stile barocco del pittore italiano Galli Bibiena, la Chiesa di Sant’Elisabetta, meglio conosciuta come Chiesa Blu, per il particolare colore delle facciate esterne, blu turchese, che la fa assomigliare più a una torta o a una casa dall’aspetto fiabesco. Questa Chiesa, dedicata a Santa Elisabetta d’Ungheria che visse nel Castello di Bratislava, fu costruita nel 1907 con uno stile Art Nouveau scelto dall’architetto progettista ungherese Ödön Lechner. Gli interni con gli affreschi nelle chiese di Santa Trinità e di Santa Elisabetta rappresentano l’apice del barocco nella Europa Centrale.

E ancora, la Chiesa di Santa Chiara, riccamente decorata e caratterizzata da esempi di arte medievale, la Chiesa dell’Annunciazione, costruita alla fine del XII secolo, la Chiesa Francescana, probabilmente la più antica della città, la Cappella di Santa Caterina, del 1311 in stile gotico e la Chiesa dei Gesuiti, costruita negli anni 1636-1638 con all’interno un affascinante pulpito e l’altare della Crocifissione.

Il centro di Bratislava è costellato anche da bellissimi palazzi antichi, come il Palazzo Primaziale, uno degli edifici tra i più belli della città, i cui sontuosi ambienti interni ospitano uffici governativi ed esposizioni temporanee: famosa è la Sala degli Specchi, dove fu firmato l’accordo di pace tra Napoleone e Francesco I imperatore d’Austria.

Il Palazzo Grassalkovic che, costruito in stile barocco nel 1760, oggi è la sede del Presidente della Repubblica slovacca. Con le sue ricche sale e con il suo giardino in stile francese è uno dei più belli palazzi tardogotici di Bratislava. Al suo interno rimarrete affascinati dal suo bellissimo scalone e dalle centinaia di stanze. I giardini del palazzo sono un’oasi di tranquillità: prati, alberi, panchine e qualche statua di arte contemporanea vi permetteranno di rilassarvi un po’.

Palazzo di Mirbach

Il Palazzo Mirbach, gioiello dell’architettura rococò del 1770. Oggi è la sede della Galleria Civica di Bratislava, con una sezione dedicata alla pittura e alla scultura dal XVII al XIX secolo, fino ad arrivare all’arte slovacca contemporanea.

Infine, a Bratislava potete visitare la Casa di Mozart, nella quale il grande artista nel 1762 a soli 6 anni diede uno dei suoi primi concerti.

Tra i vicoli sinuosi del centro non si trovano però solo i monumenti più belli di Bratislava, i musei, i teatri e le chiese ma anche svariati negozietti che vendono praticamente di tutto, accoglienti caffè, e poi tante birrerie e locali tipici dove avvolti da un’atmosfera piacevole e cordiale si possono gustare ottimi vini slovacchi e sensazionali birre locali.

Al primo pub che incontrerete non potete non assaggiare il “Bryndzove Halusky” , gli gnocchi, tipico piatto slovacco, o i pirohy, ravioli, con formaggio di pecora (bryndza) o lekvarom (marmellata e noci). Questi piatti sono presenti praticamente in tutti i menù a volte accompagnati con il classicissimo Gulash (carne, paprica, carote, patate). Pietanze che vengono servite insieme ai vini slovacchi che sono di grande qualità: Tokai, un Traminer, il Reisling o un Muller-Thurgau. Ma non dimenticate che qui siamo nell’Europa dell’Est e le birre sono tutte buone, costano poco e scorrono a fiumi. Se siete con il partner vi consiglio di recarvi sulla Kamzik TV Tower, una torre alta 200 metri, che ospita un ristorante rotante e una splendida e romantica vista sulla città.

Per chi vuole dedicarsi allo shopping la Obchodna Ulica è il luogo ideale: qui potete immergervi in tantissimi negozi tutti messi in fila e comprare di tutto.

Per la sera non avrete che l’imbarazzo della scelta: Bratislava offre pub con musica dal vivo, alcune grandi discoteche, locali jazz o, se il tempo lo permette, una bella e romantica passeggiata lungo il Danubio.

Anche se rispetto alle altre capitali europee Bratislava può sembrare all’inizio poco interessante, il suo ambiente cosmopolita, il suo centro storico ricco di cultura, i suoi raffinati ristoranti tra i migliori d’Europa, la movida e le belle ragazze vi conquisteranno.

https://noigiovani.it

Lascia un commento