“Beethoven non ha ritmo”. La risposta del maestro Giuseppe Maiorca a Giovanni Allevi

“Beethoven non ha ritmo”. La risposta del maestro Giuseppe Maiorca a Giovanni Allevi

Ha scatenato un’ondata di indignazione generale la recente affermazione del giovane pianista Giovanni Allevi che, durante la masterclass al Giffoni Film Festival, ha detto: “A Beethoven manca il ritmo. Quello lo possiede Jovanotti”.

Beethoven non ha ritmo - Giovanni Allevi

Ai ragazzi del Giffoni ha raccontato: “Un giorno ho capito che dovevo uscire dal polverone e cambiare approccio con la musica, anche se si trattava di quella classica. Stavo ascoltando a Milano la Nona Sinfonia di Beethoven. Accanto a me un bimbo annoiato che chiedeva insistentemente al padre quando finisse. Credo che in Beethoven manchi il ritmo. Con Jovanotti, con il quale ho lavorato, ho imparato il ritmo. Con lui ho capito cos’è il ritmo, elemento che manca nella tradizione classica”.

Il pianista ha poi esternato la sua amarezza nel sapere che “persone autorevoli” lo considerano un “impostore”: “Non posso entrare in molti Conservatori italiani, mi dispiace ricevere a volte le contestazioni degli studenti che li frequentano, mi dispiace sapere che non potrò varcare le loro porte, ma so che la cosa importante è raggiungere il cuore della gente. La mia musica può entrare”.

In una recente intervista, Allevi ha anche confessato di aver sofferto di una forte depressione provocata dalle tante e negative critiche nei suoi riguardi. Forse avrebbe dovuto pensarci bene prima di proferire parola.

L’indignazione, dicevamo, è generale, ma l’ira dei musicisti classici che non hanno digerito una tale eresia è grande. Talmente, da risvegliare il lato “punk” di alcuni compositori che, nonostante i modi pacati ed eleganti che li caratterizzano, decidono di rispondere nell’immediato alla dichiarazione di Allevi, preferendo alle parole il “non ritmo” di Beethven. È il caso del maestro Giuseppe Maiorca, compositore e musicista nato in Sicilia e vissuto in Calabria, che attraverso un ironico video risponde al giovane pianista proponendo, dal luogo di villeggiatura in cui si trova, il quarto movimento della Sonata op. 31 n.3 di Beethoven con tanto di scuse per “la tenuta non proprio da cerimonia, e per qualche stecca…è il mio omaggio sentito al M° Giovanni Allevi”.

Ecco il video:

https://noigiovani.it

Lascia un commento