Arriva al cinema il film Piccola Patria di Alessandro Rossetto

Arriva al cinema il film Piccola Patria di Alessandro Rossetto

Arriverà al cinema il 10 Aprile 2014 Piccola Patria, il film di Alessandro Rossetto, accolto con curiosità e calore all’ultima Mostra di Venezia.

Piccola patria film

La pellicola è il ritratto nerissimo del nordest italiano, tra rigurgiti nazionalisti e istinti xenofobi, visto attraverso occhi e azioni di due giovani protagoniste, Luisa (Maria Roveran) e Renata (Roberta Da Soller), che, come spiega Rossetto nelle note di regia, “vogliono andare via da una cultura del lavoro che è solo cercare di far soldi e spesso non riuscirci, via dalla banalità di vite votate al sacrificio e al silenzio, via dalla rabbia che la mancanza di sogni scatena. Il conflitto è tra due mondi, quello degli adolescenti – vivo, sensuale, libero senza sapere di esserlo – e quello degli adulti, inerte, rassegnato, doppio. Eppure qualcosa accomuna tutti: una zona oscura, una memoria che segna la carne delle ragazze e che resta non detta. Il sesso che l’una usa per prendersi gioco del mondo, per sfuggire senza meta alle falsità del conformismo, è per l’altra il modo cieco per riscattarsi dalla meschinità e dalla violenza, il pretesto per vendicarsi. Il gioco amoroso, amicale e sessuale assume col tempo i contorni tragici di una realtà che perde per sempre spontaneità e innocenza”.

Il film è interpretato da Maria RoveranRoberta Da SollerVladimir DodaDiego RibonLucia MascinoMirko ArtusoNicoletta Maragno Giulio Brogi.

Piccola Patria è prodotto da Arsenali Medicei e Jump Cut, con il sostegno di Veneto Film Commission, BLS – Business Location Alto Adige, Trentino Film Commission e Friuli Venezia Giulia Film Commission. Coinvolta nel progetto anche la casa di produzione e distribuzione friulana Tucker Film. All’interno della troupe anche studenti ed ex studenti della scuola di documentario ZeLIG di Bolzano.

Alessandro Rossetto è nato a Padova. È autore cinematografico, produttore, direttore della fotografia e operatore alla macchina. La critica così descrive il regista e sceneggiatore: “L’occhio cinematografico di Alessandro Rossetto è prezioso, pieno di curiosità e sensibilità. Nei suoi film ci guida ad incontrare situazioni e personaggi toccanti, rivelandoci la loro intima immaginazione, la loro visione del mondo e la loro straordinaria vita di ogni giorno, messa in scena con rigore e poesia”. Tra i film realizzati: Il fuoco di Napoli (1997), Bibione Bye Bye One (1999), Chiusura (2001), Feltrinelli(2006).

https://noigiovani.it

Lascia un commento