Sperlonga, paesaggi che rievocano antichi miti

Sperlonga, paesaggi che rievocano antichi miti

sperlongaA 57 km da Latina, nel Lazio,  si erge su uno sperone di roccia a strapiombo sul mare, l’antico borgo marinaro di Sperlonga. Al mare di Sperlonga è stata per il sedicesimo anno consecutivo assegnata la “Bandiera Blu d’Europa”. Il paese ha paesaggi naturali di una bellezza ineguagliabile e un centro storico ricco di chiese e palazzi signorili. Il borgo deve il suo nome alle numerose grotte naturali che si aprono lungo la costa e che secondo la mitologia greca, erano rifugio delle ninfe del mare, le nereidi. La più importante attrattiva di Sperlonga è la Villa di Tiberio e la relativa Grotta che si sviluppa lungo la spiaggia. Ai resti della villa, immersa nel mare azzurro, si accede dall’ingresso del Museo Archeologico percorrendo un suggestivo sentiero tra gli ulivi. Qui si possono ammirare le stanze, i pozzi, le piscine usate per l’allevamento ittico, che ancora oggi contengono diversi pesci, e la spettacolare Grotta, decorata di marmi, statue e mosaici, dove pare che Tiberio intrattenesse gli ospiti. Molti dei reperti rinvenuti nella grotta sono conservati al Museo, tra cui la ricostruzione scultorea che racconta le geste omeriche del mito di Ulisse. Questo paese, tra i più belli d’ Italia, ha anche un’ altra particolarità, le Torri d’ avvistamento, costruite nel XVI secolo a scopo difensivo. La Torre Truglia, ad esempio, visibile già in lontananza, è la più conosciuta, di colore bianco rappresenta il vero simbolo di Sperlonga. Da qui si può ammirare uno splendido panorama sul paese, il mare e la costa, un panorama mozzafiato, un’ altra meta italiana da non perdere.

http://noigiovani.it

Lascia un commento