Round the world ticket: il giro del mondo con un solo biglietto

Round the world ticket: il giro del mondo con un solo biglietto

Il giro del mondo in 80 giorni non è solo l’opera di Jules Verne. Viaggiare intorno al globo è il sogno di tantissime persone e se si hanno 80 giorni (e anche di più) liberi e qualche soldo da parte, con Round the world ticket (RTW) potrà diventare realtà.

Round the world ticket

Si tratta di un unico biglietto aereo che ti consente di fare il giro del mondo percorrendo un tot di miglia prestabilite al momento dell’acquisto. Solitamente si impiega all’incirca un anno e le tappe previste sono 16.

In questo caso, però, con giro del mondo si intende che è previsto un attraversamento (e uno solo) sia per l’Oceano Atlantico che per quello Pacifico, che i voli devo tendenzialmente essere tutti verso est o verso ovest e che si torna al paese di partenza.

Un Round The World (RTW) Ticket è sicuramente più costoso di un biglietto di andata e ritorno per l’angolo opposto della terra (la Nuova Zelanda), ma se l’intento è quello di fermarsi anche in altri luoghi, sicuramente già diventa conveniente. Il tutto, comunque, va pianificato molto bene, poiché l’RTW non è un prodotto che si compra al supermercato e lo stesso viaggio, cambiando pochi dettagli, può costare molto meno: dunque, è consigliabile iniziare a pensare il giro con molti mesi di anticipo.

Per offrire un servizio migliore e più competitivo, le compagnie aeree si sono unite in “alleanze”. Tra queste Skyteam, Oneworld, Star Alliance, ognuna delle quali offrirà un biglietto RTW che vale sugli aerei di quella alleanza. Nonostante si tratti di alleanze molto grandi, ogni singola compagnia può essere membro soltanto una tra quelle che costituiscono il gruppo, così da coprire i continenti nel miglior modo possibile.

Ecco di seguito le soluzioni emesse dalle varie Alliance, ognuna con regole proprie e zone del mondo più o meno servite, per organizzare al meglio il viaggio memorabile intorno al mondo:

Star Alliance Round the World Fare: con 16 compagnie aeree copre 139 paesi e oltre 800 destinazioni. Il biglietto è disponibile per 29.000 miglia, 34.000 miglia o 39.000 per un massimo di 15 fermate. In USA, Canada, Australia ed Europa sono permessi rispettivamente 5 stop al massimo. Il prezzo si aggira intorno ai 2.600 euro. Valutate con cura l’itinerario che fa per voi. Star Alliance non copre i voli interni in Australia e Russila e piuttosto debole in India.

Global Explorer di One World: è simile alla Star Alliance, a migliaggio limitato con tre classi di limitazione dei miglia. La copertura delle Americhe è eccellente mentre è un po limitata quella di Asia e Africa. Tra l’altro LAN Chile, membro dell’alleanza, è l’unica compagnia al mondo che copre la tratta per l’isola di Pasqua, il cui prezzo è solitamente proibitivo, se non incluso in un RWT.

SkyTeam Round the World: anche le regole del biglietto sono molto simili a Star Alliance. Un massimo di 15 stop over a cui sono imposti dei limiti, non più di 5 in Europa, 5 tra Stati Uniti e Canada, 5 in Australia e 3 in Giappone. La copertura di Sud America e Australia è scarsa mentre SkyTeam resta la migliore per l’Asia e l’emisfero nord del mondo in generale.

One World Explorer: a differenza degli altri RWT non prevede un limite di miglia. Ha tariffe diverse che cambiano a seconda dei continenti che si decide di includere nell’itinerario. Qui trovate lo strumento per la prenotazione dei voli RWT con One World. Copre destinazioni ordinarie e anche mete un po’ più insolite come le Isole Cook o le Hawaii e permette di modificare il proprio itinerario e di sceglierlo con la massima flessibilità.

Big Planet Tour: oltre ai biglietti delle alliances tra le compagnie aeree ci sono agenzie specializzate nella costruzione di tariffe aeree complesse e altri circuiti e accordi minori rispetto alle 3 grandi alleanze, ma comunque vantaggiosi per un viaggio a più tappe in un paio di continenti. Il risultato dell’accordo tra Ansett Australia, Air New Zeland e Singapore Airlinesè la più interessante. Il biglietto ha una validità di soli 4 mesi ma offre collegamenti aerei con mete poco ordinarie, con scali ad Honk Kong, a Denpasar in Indonesia, nelle Isole Fiji, a Tahiti, Tonga o nell’isola di Samoa.

Regole e condizioni

Ovviamente ogni alleanza ha le sue, ma ce ne sono alcune fondamentali che valgono un po’ per tutte:

- Esiste una limitazione generale negli e-ticket che permette di includere in un biglietto massimo 16 tratte. Alcuni RTW costano meno riducendo il numero di stop consentiti. Per stop si intende una sosta di oltre 24 ore e non cambio aereo.

- Tutti i biglietti (escluso OneWorld Explorer) hanno una limitazione di percorrenza che va dalle 26.000 alle 40.000 miglia. Eventuali percorsi via terra contano sulle miglia come se fossero fatti volando e non permettono di allungare il viaggio.

- Il biglietto generalmente dura 12 mesi a partire dal primo decollo.

- L’ultimo volo del biglietto deve riportare nel paese da cui si è partiti.

- O si va a est o si va ovest, non si torna indietro. Alcuni biglietti sono più flessibili e applicano questa regola solo ai voli fra un continente e l’altro e non a quelli intra-continente.

- L’itinerario deve essere definito all’atto del acquisto del biglietto. Di solito sono permesse variazioni di date senza pagare. Se si vuole cambiare destinazione bisogna pagare delle penali.

In Italia il RTW ticket è ancora poco diffuso, ma all’estero ha cambiato e rivoluzionato il modo di viaggiare: viene usato da migliaia di persone ogni anno e permette a chiunque di fare un giro del mondo a prezzi modici rispetto a biglietti aerei tradizionali.

E allora, è giunto il momento di sperimentare organizzando il vostro giro del mondo personalizzato.

http://noigiovani.it

Lascia un commento