Piemonte, Neive, terra dei vini

Piemonte, Neive, terra dei vini

Neive, Piedmont, ItalyUn filare di case in pietra e stradine tortuose che si arrampicano fino alla Torre dell’Orologio, questo è Neive, in provincia di Cuneo. Un ex insediamento romano, conteso nel Medioevo tra Alba ed Asti, ed oggi uno dei più bei paesi che si incontrano lungo la strada dei vini. Siamo nelle Langhe e qui le parole “Barbera” e “Moscato” sono di casa. L’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani lo ha inserito nella lista dei “Borghi più belli d’Italia”.  Il paese deve il proprio nome a una nobile famiglia romana, la gens Naevia, della quale fu un possedimento, nel Medioevo vi fu eretto un castello fortificato (di cui rimane oggi solo una torre quadrangolare) e nei suoi pressi venne costruito un monastero di monaci benedettini provenienti dall’abbazia di Fruttuaria nel territorio di San Benigno Canavese. Neive è anche  il paese natale di uno dei più grandi scrittori italiani di epica contadina, Franco Piccinelli, autore di oltre 40 libri, tra romanzi e poesie, la maggior parte ambientati proprio nelle Langhe. Il paese è conosciuto anche come Neive Borgonuovo, si estende nel pianoro sottostante, attraversato dal Torrente Tinella. Questa divisione ha fatto sì che il borgo medioevale rimanesse praticamente intatto e, sebbene rimaneggiato lungo i secoli, non venisse toccato dall’urbanizzazione contemporanea. Per la ricchezza dei vigneti e del commercio, l’importanza strategica e la bellezza del luogo, Neive “alta” fu da sempre scelta come residenza della nobiltà terriera e della ricca borghesia, dotandosi di splendidi palazzi e acquistando il soprannome di «pais di sgnuret» («paese dei signorotti»). la località è famosa per il turismo enogastronomico, Neive è infatti la terra dei quattro vini – Barbaresco, Barbera, Moscato e Dolcetto – nonché la sede di alcuni dei migliori viticultori e produttori di vino delle Langhe.

http://noigiovani.it

Lascia un commento