Morbo di Alzheimer: individuato il test per identificare la malattia prima dei sintomi

Morbo di Alzheimer: individuato il test per identificare la malattia prima dei sintomi

Nel mondo sono 24 milioni gli individui affetti da demenza, di cui il 70% dal morbo di Alzheimer. E dall’Italia arriva una ricerca innovativa nella comprensione di questo male che vede la propria diffusione crescere ad un ritmo costante con stime per il futuro tutt’altro che confortanti.

morbo di alzheimer

La ricerca, frutto degli studi dei ricercatori dell’Associazione Fatebenefratelli per la Ricerca (AFaR) guidati da Rosanna Squitti, ha portato alla realizzazione di un test per identificare il morbo di Alzheimer prima che nei pazienti si siano manifestati i sintomi della malattia.

Com’è noto, nella malattia di Alzheimer esiste una relazione tra declino cognitivo e livelli di rame ‘libero’ presente nel sangue. L’applicazione di questo principio dimostrato in 10 anni di studi dai ricercatori AFaR ha portato all’ideazione di un test del sangue che può identificare i casi pre-sintomatici della malattia che hanno maggiori probabilità di evolvere in Alzheimer conclamato.

In particolare, i ricercatori si riferiscono a quella quota di rame circolante non legato alla proteina che lo trasporta, la ceruloplasmina. La conclusione è che livelli eccessivi di questo tipo di rame sono tossici e aumentano il rischio di ammalarsi di Alzheimer.

Non solo, ma questo tipo di anomalia, se rilevata per tempo, aiuta anche a identificare meglio quei casi pre – sintomatici, cosiddetti MCI, che hanno un elevato rischio di sviluppare la malattia nei successivi 5 – 6 anni. Infatti, in un gruppo di pazienti seguito per 6 anni, mentre gli MCI con rame normale avevano circa il 20% di probabilità di progredire in Alzheimer, in quelli con rame elevato tale probabilità saliva oltre il 50%.

Il metodo messo a punto da Squitti era però solo un test di laboratorio, utile alla ricerca, ma poco utilizzabile come test clinico su larga scala. Ora però Canox4drug (società di ricerca biomedica nata nel 2012) in collaborazione con l’AFaR, ha sviluppato C4D, un test innovativo in grado di misurare la quantità di rame in circolo, con rapidità, altissima precisione e replicabilità.

L’iter da seguire è semplice e basta sottoporsi ad un prelievo ematico. Tale test è già operativo al Policlinico Agostino Gemelli di Roma, ma sarà presto reso disponibile in altri ospedali e centri italiani che si occupano di Alzheimer.

Un risultato importante se si considera che i Paesi occidentali vanno incontro a un costante incremento del tasso di incidenza della malattia al quale potrebbe aggiungersi anche il contributo di molti Paesi in via di sviluppo dove, l’allungamento dell’aspettativa di vita e il mutamento delle condizioni socio-ambientali, potrebbe incidere nella diffusione parallela del morbo di Alzheimer.

http://noigiovani.it

Lascia un commento