Città Nuova

Città Nuova

L’altro volto di Praga tra movida, shopping e gastronomia

Contrapposta al Malà Strana vi è la Novè Mesto, la Città Nuova, con la sua Via Nazionale, la Národní Trída. Questa è la via dello shopping a Praga, con una fila imponente di negozi e grandi costruzioni pubbliche. Lungo la via potete trovare il Teatro Nazionale, uno degli edifici più imponenti di Praga e simbolo del revival neo-rinascimentale della nazione ceca.

Città Nuova

Non solo il Teatro nazionale, ma lungo la Via Nazionale potete trovare anche il Teatro Adria, che diede i natali alla Laterna Magika (il teatro non verbale, dove vengono esibite performance di danza, cinema e teatro nero tutte in silenzio) e fu luogo d’incontro nei giorni esaltanti della Rivoluzione di Velluto.

Ancora sulla via troverete il Palazzo Adria, che un tempo era l’ingresso agli uffici della compagnia di assicurazione Adriatica, da cui il nome dell’edificio, il Palazzo Viola, con una facciata in stile Art Nouveau, e il palazzo di Slavia Kavarna, noto per i suoi interni in stile Art Deco e la splendida vista sul fiume.

Novy svet

Un angolo particolare di Praga è il Quartiere di Novy Svet, Hradcany, che circonda i dintorni del Castello. Qui, infatti, nel XVI secolo vennero costruite le case per il personale del castello in un enclave di stradine acciottolate lungo il pendio nord del Loreto. Oggi, queste stesse case sono state restaurate e dipinte in colori pastello, rendendo il quartiere un’ottima alternativa all’affollato Vicolo d’Oro.

Loreta


Nel Quartiere Novy Svet si trova il Loreta (dalla città di Loreto, in Italia), che è un complesso religioso sede di pellegrinaggio cattolico di cui sono anche parte un chiostro, una chiesa e il santuario della Madonna. Secondo la leggenda, la dimora della Vergine Maria sarebbe stata portata dalla Palestina dagli angeli nel XIII secolo e, dopo che i cattolici romani sconfissero i boemi protestanti nel 1620, la frazione di Loreto venne scelta come sede per una rinata disciplina cattolica della Boemia.

Vysehrad

Infine, vi manca di visitare il Quartiere Vyšehrad, un’affascinante e piacevole zona adagiata su una prominenza rocciosa sopra al fiume Moldava, che offre una vista panoramica sulla città di Praga. In questa zona potrete rilassarvi nei bellissimi giardini, e godere delle belle vedute sul Moldava. Nel quartiere di Vyšehrad potete visitare quello che a volte è indicato come il ‘secondo castello di Praga’. Costruito nel X secolo al suo interno ospita la chiesa di San Paolo e di San Pietro, restaurata in stile neogotico, nella quale ogni centimetro degli interni è impeccabilmente coperto con decorazioni molto simili a quelle delle pagine di manoscritti illustrati, il che lo rende uno degli interni più belli di Praga.
Nel quartiere potete anche visitare una delle più originali rotonde della città, la romanica Rotonda di San Martino, risalente all’XI secolo.

Casa danzante

Sulle rive del Moldava si integra perfettamente con i palazzi ottocenteschi un modernissimo edificio, la straordinaria Casa Danzante, dedicato alla grande coppia di ballo formata da Ginger Rogers e Fred Astaire. Costruito dal 1992 al 1996, su progetto e realizzazione dell’architetto F.O Gerhy, è formato da due palazzi che sembrano una coppia di danzatori: uno dei palazzi si protende verso l’altro, che immobile aspetta l’abbraccio dell’altro. All’ultimo piano potrete romanticamente cenare nel ristorante francese, da cui potete godere una splendida vista sulla Moldava.

Non dimenticate lo shopping che a Praga va dall’antico al moderno. L’area più grande dedicata agli acquisti si trova intorno a Piazza Venceslao. I suoi marciapiedi sono affollati sia da turisti e locali che cercano di tutto, spesso in doppia fila. Qui troverete praticamente di tutto, dall’alta moda a enormi negozi di musica, classici negozietti e fornitissime librerie. Parížská invece è la via borghese per eccellenza che ospita moltissimi negozi lussuosi, caffè di tendenza, ristoranti e bar.

Souvenir

Se andate a Praga dovete assolutamente portarvi un souvenir/regalo ceco: il regalo più costoso che si possa fare è sicuramente il cristallo di Boemia, ne troverete di tutte le forme e colori, da quelli che riproducono le cristallerie dell’epoca di Rodolfo IV a forme molto più moderne. Molto più accessibili sono invece le marionette, i giocattoli in legno artigianali, che potete trovare soprattutto nei negozi di Mala Strana e nel Vicolo d’Oro nel Castello, e le matrioske che, anche se russe di origine, si sono trasformate con il tempo in un souvenir tipico di Praga.

Becherovka

Il ricordo o regalo per eccellenza, però, è una bottiglia di Becherovka (con 23 erbe e un sapore di cannella) e la Slivovice (una grappa di prugne), e le birre artigianali bevute entrambe come digestivo. Pensate che la birra è così economica a Praga che costa meno dell’acqua.

Dopo le ripide salite e lunghi giri a piedi per visitare Praga, non potete non gustare i piatti tipici praguesi. Non riuscirete a lungo a resistere al richiamo di ristoranti (Restaurace), osterie (hostinec) e birrerie (pivnice) che costellano i percorsi turistici del centro storico.

Lontana dal mare ma bagnata dal fiume Moldava, la capitale Ceca si arricchisce dei prodotti della terra e dei corsi d’acqua dolce, non restando indifferente al clima che nella storia ne ha influenzato raccolti e tradizione culinaria. I rigidi inverni hanno sfornato una cucina fatta di zuppe e di piatti a base di carni come il maiale, il manzo, il coniglio e la selvaggina. Non mancano i pesci come la carpa, la trota di fiume e l’anguilla. Al tutto si uniscono le verdura ed i legumi, le spezie e le erbe.

Tra le zuppe tipiche vi sono: la Drštková polévka, molto densa a base di brodo di carne, trippa, verdure, paprika e aglio, la Zelnacka, a base di carne affumicata, patate e crauti (la carne a volte può essere sostituita con la salsiccia del posto), la Kulajda, a base di funghi, patate, aneto e panna, la Bramborova polévka, preparata con patate, funghi (in genere porcini) e panna ma con l’aggiunta di un tuorlo d’uovo.

Svícková na smetane

Da provare la carne di maiale (veprove) servita arrosto e accompagnata da gnocchi di pasta lievitata (knedliky) patate (brambory) o crauti (kysele zeli). Uno dei piatti più popolari è il Svícková na smetane, un filetto di manzo lardellato, arrostito e servito con ortaggi, salsa e gnocchi, poi il Vepro-knedlo-zelo, maiale arrosto, nel suo taglio più grasso, con stufato di cavolo sottaceto (crauti) e gnocchi. Tra i piatti più tipici è inclusa anche la Smažený rízek, una bistecca di carne di maiale, o vitello, o pollo, sbattuta nell’uovo e impanata nel pan grattato, quindi fritta e servita con condimento di patate bollite.
Altro piatto molto popolare è quello a base di oca (husí maso), o anche anatra arrosto (kachna), condite con semi di cumino, miele, e quindi stufate con crauti e accompagnate dai soliti gnocchi. Piatto fisso è il Gulash: manzo in umido, stufato con verdure e paprika forte e servito di solito con pane o gnocchi di pane ripieni. C’è anche una variante, Pivnì gulash, cucinata nella birra e tra gli ingredienti prevede cumino, strutto e abbondante cipolla. Dovete anche provare le le frittate ripiene, Bramboráky, servite con salsiccia, erbette (in genere maggiorana) e spezie.

Tra i piatti a base di pesce, invece, spicca il classico Trebonsky kapre, e cioè di pesce carpa (tipico della Boemia meridionale), che si trova in genere servito impanato e fritto (smazeny), marinato (marinovany) o in aceto e verdure (v aspiku).

Smažený sýr

Anche i formaggi trovano un posto d’onore nel menù tipico della gastronomia di Praga. Chiamati sýr, i formaggi vengono spesso serviti in modo inusuale, per esempio il Smažený sýr è un piatto tipico di formaggio passato nell’uovo, impanato e fritto o il Pivní sýr è invece il formaggio alla birra, servito con un misto di cipolle crude, senape e spalmato su pane tostato. Un altro tipico formaggio nazionale è anche il Olomoucké syrecky (detto anche tvaružky), della regione di Olomouc.

I dolci della tradizione sono, invece, gli švestkové knedlíky, dolcetti fritti e ripieni di marmellata di prugna o albicocca, la jablencny zavin, gustosa fetta di strudel di mele. Dovete anche assaggiare i skubancky, gnocchi di patate ripieni nella variante dolce, e soprattutto non dovete assolutamente non entrare in una delle tante panetterie di Praga, nelle quali è in genere riservato uno spazio colazione e pranzo, dove potete gustare una baguette alla birra o un panino con prosciutto ‘prazska sunka’, tipico della Boemia, affumicato nella brace di legna di faggio e in genere servito con pane di segale, tostato, e salsa di rafano.
Il colpo finale di solito arriva con un bicchierino di slivovice o di Becherovka.

Che dire della movida di Praga? Dai pub tipici dove bere la birra ceca ai locali notturni più cool, fino ai bordelli. Praga è una città vivace, movimentata e anche la sua notte non è da meno.
Nel centro, in poche centinaia di metri, si concentra una straordinaria offerta ristoranti, di pub tipici, conosciuti come “pivnice” o “hostinec”, dove ci si può scaldare con una pinta di birra ceca, veramente ottima, e alcune delle discoteche più grandi e belle d’Europa. Nonostante i ristoranti e i pub chiudano a mezzanotte, i Bar, Locali e Discoteche a Praga sono aperti e pieni di vita fino alle prime ore del mattino.

Mentre nella zona di Mala Strana prevale un’atmosfera più intima e rilassata, nella zona di Ponte Carlo e nella Città Vecchia si tira a fare tardi nelle discoteche e nei club.
Tra i locali più cool ricordiamo il Big Sister, uno dei bordelli più famosi in Europa e nel mondo: una sorta di Grande Fratello del sesso dove potrete scegliere una prostituta e non pagare nulla se decidete di farvi riprendere dalle telecamere. Il Vinarna U Sudu, che a primo impatto sembra un bar come gli altri, ma una volta entrati scoprirete un mondo sempre in movimento.

Karlovy Lazne

Il Karlovy Lazne, un club di cinque piani con musica differente in ogni ambiente. Il Pivovarsky Dum, il pub frequentato soprattutto dai cechi e che produce la proprio tipologia di birra, che è assolutamente da provare. La Mecca, una delle discoteche più cool di Praga dove si organizzano eventi speciali e notti a tema. L’Akropolis, l’ideale per bere una birra e ascoltare un po’ di musica.

Durante tutto l’anno Praga presenta un ricchissimo calendario di festival ed eventi musicali, artistici e teatrali. Vi proponiamo un elenco delle festività per decidere al meglio quando visitare la città.

1° gennaio: il Capodanno;

Da fine febbraio a inizio aprile: Sagra di Mattia, nell’Area Fieristica;
Martedì grasso (può cadere anche in altro mese): Masopust, speciale festeggiamento del carnevale nel quartiere popolare di Žižkov;
14 febbraio: San Valentino che a Praga è quanto di più romantico si possa desiderare. La città infatti vanta splendide attrazioni e ristoranti di prima classe. Inoltre la buona notizia è che a Praga non troverete prezzi gonfiati per San Valentino. Gli hotel hanno offerte incredibili: il meglio del romanticismo al normale prezzo di tutto l’anno;

Terzo sabato del mese di marzo: Marcia Praga-Prcice;
Quando cade Pasqua a Praga si aprono i Mercati dove oltre 100 bancarelle offrono meravigliosi prodotti artigianali, ogni sorta di cibo e bevanda, e mostrano gli antichi e meravigliosi costumi della tradizionale Pasqua Ceca;

30 aprile: Rogo della Strega, nell’Area Fieristica. Da 500 anni si bruciano le vecchie scope per allontanare gli spiriti maligni;

1° maggio: Festa del lavoro. Gli innamorati trascorrono la notte tra il 30 aprile e il 1° maggio sulla Collina di Petrin, dove si trova la statua dello scrittore romantico ceco Karel Hynek Mácha;
5 maggio: Anniversario della sollevazione di Praga. A mezzogiorno suonano tutte le sirene e vengono deposti fiori sulle targhe che commemorano i caduti;
8 maggio: Liberazione dal Fascismo, festa nazionale. Vengono deposti fiori sulle tombe dei soldati seppelliti nel cimitero Olsany;
Dal 12 maggio al 3 giugno: Festival Musicale Primavera di Praga, che è il più grande evento musicale dell’anno a Praga. Il Festival Internazionale di Musica include performance di numerosi eccezionali artisti, orchestre sinfoniche ed ensemble di musica da camera da tutto il mondo. Il Festival commemora importanti anniversari musicali e include nel suo programma opere di compositori di fama nazionale e internazionale; è qui che i compositori cechi contemporanei fanno esordire in pubblico le proprie opere. È certamente un evento da non perdere;
Terza settimana del mese: Prague International Marathon;

A partire da giugno: concerti estivi, nei giardini di Praga. Tra i più famosi è quello che si tiene presso la fontana Krizik nell’Area fieristica. E anche le ricostruzioni di battaglie famose, durante tutta l’estate nei palazzi e nei giardini di Praga.

Prima weekend del mese di giugno: Regata Mayoral, sulla Moldava, sotto Vyšehrad;
Prima settimana del mese di giugno: Praga d’Oro, presso palazzo Kaiserstein;
Da metà giugno alla prima settimana di luglio: Festival di Mozart;
Ultima settimana di giugno: Praga Danza, presso il Teatro Nazionale;

5 luglio: Commemorazione dei missionari slavi, festa nazionale in onore dei Santi Cirillo e Metodio;
6 luglio: Anniversario della morte di Jan Hus, festa nazionale. Il monumento di Hus viene ricoperto di fiori;

Tutto il mese di Agosto: Teatro Isola, presso Isola di Strelecky;

Inizio del mese di settembre: Autunno di Praga, presso il Rudolfinum. Festival internazionale di musica classica;
Durante il mese di settembre: Fiera d’autunno, nell’Area fieristica e Festa del teatro di strada;
Terza domenica di settembre: Gara degli Aquiloni, gara per bambini di fronte allo stadio Sparta;
28 settembre: San Venceslao, festival di musica sacra;

Seconda domenica di ottobre: Corsa a ostacoli di Pardubice, considerata la più difficile corsa a ostacoli, con 39 salti su un percorso di 7 km. La prima gara fu corsa nel 1874. E inoltre, Velká kunratická, corsa campestre nella foresta di Kunratice. Aperta a tutti;
Durante il mese di ottobre: Festival internazionale del Jazz, presso Palazzo Lucerna;
28 ottobre: Festa della Repubblica, per commemorare la proclamazione dell’indipendenza della Cecoslovacchia nel 1918;

17 novembre: Anniversario della Rivoluzione di Velluto. Di solito si svolgono manifestazioni pacifiche in Piazza Venceslao;

Tutto il mese di dicembre: Mercatini di Natale, i maggiori su Piazza della Città Vecchia e Piazza Venceslao. Venite a Praga a Natale e sperimentatene l’indimenticabile atmosfera: dall’ambiente caratteristico dei mercatini di Natale, ai fantastici concerti natalizi ospitati presso numerose chiese e sale da concerto. Nei mercati potrete assaggiare un po’ di idromele caldo o del vino, osservando nel contempo gli artigiani che dimostrano le abilità tipiche dei mestieri tradizionali;
24, 25 e 26 dicembre: Vigilia di Natale, Natale e Santo Stefano, feste nazionali con celebrazione di Messe in tutte le chiese;
26 dicembre: Gara di nuoto nella Moldava. Da notare che la temperatura dell’acqua è circa 3°C!
31 dicembre: San Silvestro. Di solito i festeggiamenti per accogliere il nuovo anno si concentrano in Piazza Venceslao. Vi potete divertire come volete, dai concerti di musica classica ai tradizionali mercatini di Natale, dalle crociere in barca sul fiume Moldava a alle serate in discoteca oppure nei bar o al ristorante, approfittando di speciali serate festive.

Dovete assolutamente far parte dei milioni di turisti che ogni anno visitano Praga, portandovi dietro qualche piccola esperienza tutta vostra e solo così avrete modo di capire cosa intendeva dire il grande compositore Richard Wagner nel 1856: “…l’antico splendore e la bellezza di Praga, una città che non conosce paragoni, ha lasciato un’impronta nella mia immaginazione che non tramonterà mai”.

1 Commento

  1. Pingback: Praga, la "Città Magica" custode di antiche leggende, bellezze architettoniche e... - Noi Giovani

http://noigiovani.it

Lascia un commento