Facebook vuole comprare WhatsApp?

Facebook vuole comprare WhatsApp?

facebook vuole acquistare whatsapp

Nel mondo ci sono 5 miliardi di persone che utilizzano i telefoni” afferma Zuckerberg, ed è su questo mercato che con ogni probabilità Facebook punterà.
WhatsApp è una delle applicazioni più utilizzata sugli smartphone, tant’è che più di 100 milioni di utenti unici quotidianamente usano il servizio. Nata su IOS, è ora disponibile per iPhone, BlackBerry, Android e Nokia e consente di scambiare messaggi senza dover pagare per gli sms. Con questa app è così possibile raggiungere tutti gli amici che hanno un qualsiasi smartphone con accesso ad internet. I numeri che le girano intorno, sono molto alti, altissimi: stando agli ultimi dati pubblicati sul sito di WhatsApp, nell’ottobre del 2011 quasi un miliardo di messaggi sono stati inviati nella’arco di 24 ore tramite il servizio di messaggistica.

Sicuramente un buon affare per la volpe Mark Zuckerberg, il ventottenne fondatore di Facebook. Al momento è solo un rumor, ma la notizia è iniziata a circolare in rete dopo esser stata pubblicata sul sito TechCrunch, lo stesso che annunciò l’acquisto di YouTube da parte di Google.
L’operazione, però potrebbe avere molto senso, considerata l’egemonia del social network. Il mobile sarà la nuova piazza di affari, e perchè quindi non tentare di accaparrarsi l’applicazione di messaggistica leader del momento? Così facendo, Facebook potrebbe sostituire
il suo servizio di messaggi Messenger, ma soprattutto potrebbe ampliare la sua rete di contatti con il mondo dei consumatori della telefonia mobile. L’interesse di Facebook nei confronti del mobile non è un mistero, infatti Zuckerberg ha da poco acquistato per un miliardo di dollari Instagram, la popolare applicazione nata su iPhone e arrivata su Android che permette agli utenti di scattare foto, applicare filtri, in stile polaroid, e condividerle sulle varie piattaforma social.
Restiamo dunque in attesa di un annuncio che ufficializzi o smentisca la notizia.

http://noigiovani.it

Lascia un commento