Creme solari: come sceglierle

Creme solari: come sceglierle

L’azione del sole, specialmente durante i mesi più caldi dell’anno, può minare la salute della pelle, causando l’insorgenza di rughe antiestetiche, eritemi e pericolose alterazioni epidermiche precancerose. Proprio per questa ragione è fondamentale affidarsi a una crema solare che agisca da schermo protettivo per la nostra pelle esposta all’aggressione dei raggi ultravioletti.

Creme solari: come sceglierle

Uno dei criteri base per la scelta della giusta crema solare è il fattore di protezione solare, solitamente abbreviato con la sigla SPF. Tutte le creme solari disponibili sul mercato sono accompagnate da un numero che variando da un minimo di 6 a un massimo di 50 indica il livello di protezione che offre alla nostra pelle. Questo valore numerico viene calcolato basandosi sul tempo necessario da parte dei raggi solari per produrre una scottatura sull’epidermide protetta dal filtro. In ogni modo è bene tenere a mente che l’efficacia dello schermo solare dipende non solo dall’indice SPF ma anche dall’ora dell’esposizione – andrebbero sempre evitate, se possibile, le ore più calde della giornata fra le 11 del mattino e le 16 del pomeriggio – le condizioni meteorologiche e perfino la posizione geografica.

I dermatologi sono unanimi nel consigliare una crema protettiva che abbia un fattore di protezione solare non inferiore a 15. L’indice consigliato per chi spende lunghe ore sotto l’esposizione dei raggi solari è il 30. In condizioni di laboratorio, un indice di 30 SPF riesce ad assorbire fino al 97% dei raggi ultravioletti. Una crema solare con un fattore di protezione 15, invece, non assorbe oltre il 93% dei raggi UV, limitando quindi il livello di protezione di cui può godere la pelle esposta ai raggi solari, specialmente durante i mesi estivi. Sul mercato sono reperibili inoltre creme solari con un indice superiore ai 30 SPF, che offrono una protezione ancora maggiore. Quando optare per queste creme iperprotettive? Le creme caratterizzate da un indice di 50 SPF sono particolarmente adatte a chi ha una carnagione chiara. Le pelli caucasiche, infatti, sono molto più soggette alle scottature, in quanto prive di melanina, ovvero il componente epidermico naturale che agisce come scudo contro l’attività solare. Le creme con un alto indice protettivo sono inoltre consigliate per chi frequenta posti situati ad altitudini elevate, ad esempio per le persone che amano gli sport invernali in montagna. La neve, infatti, può riflettere e intensificare i raggi solari fino all’80%. La crema solare è fondamentale tanto per la persona che si reca in spiaggia quanto per lo sciatore che decide di spendere un weekend sulle vette innevate.

Nella scelta della crema solare più adatta alle nostre esigenze, vanno quindi prese in considerazione il nostro tipo di epidermide, il tipo di esposizione e la durata della stessa. La crema solare deve inoltre proteggere efficacemente da tutte le tipologie di radiazioni ultraviolette – UVB così come UVA corti e lunghi -, non deve modificarsi con l’azione dei raggi solari. Inoltre deve essere resistente all’acqua e gradevole da spalmare sulla pelle. Va aggiunto anche che alcuni farmaci possono incrementare la sensibilità della pelle all’azione dei raggi UV. Se stiamo prendendo dei medicinali, è quindi consigliabile consultare il medico di famiglia prima di esporsi all’attività dei raggi solari.

http://noigiovani.it

Lascia un commento