Cosmetici, l’app per la bellezza in sicurezza

Cosmetici, l’app per la bellezza in sicurezza

“Che significato ha quel simbolo sull’etichetta del cosmetico?”; “Quali sono gli ingrediente che lo compongono?”, sono solo due delle domande che ci si pone davanti alla scelta di un rossetto, un fondotinta o un profumo.

App cosmetici

In effetti, i cosmetici non sono semplici belletti ma prodotti che vengono a contatto con pelle, capelli e mucose di grandi e piccini tutti i giorni. Dunque, prendere informazioni su eventuali componenti che potrebbero dare allergie, decifrarne l’elenco degli ingredienti, conoscerne la durata o sapere a quali sistemi di sicurezza, è cosa buona e giusta.

Per questo motivo l’Unione Nazionale Consumatori, in collaborazione con Cosmetica Italia, ha lanciato una nuova applicazione ricca di suggerimenti e contenuti utili per imparare a leggere le etichette, decifrare simboli o conoscere i sistemi di sicurezza adottati.

L’app si chiama Cosmetici e offre ai consumatori una corretta formazione sull’uso di cosmetici, ma anche prodotti per l’igiene orale come saponi, dentifrici o deodoranti.

Conoscere il variegato mondo dei cosmetici per imparare a usarli in modo consapevole e a seconda delle proprie esigenze: è con questo obiettivo che è nata l’App ‘Cosmetici’, scaricabile gratuitamente sia da App Store sia da Play Store”, afferma Massimilano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Non mancano le domande frequenti che spesso i consumatori ci rivolgono, come quelle su cosa si intende per filtro solare o su quali sono i fattori di protezione più idonei al proprio incarnato. Queste ed altre informazioni si trovano nella sezione ‘Consigli’, nella quale sono disponibili anche i video degli esperti che spiegano con un linguaggio semplice le regole da rispettare per l’utilizzo dei cosmetici”, ha continuato.

E per valutare le proprie conoscenze in materia, l’app offre anche una sezione testing dove poter mettere alla prova il proprio grado di sapere.

“In Italia nell’ultimo anno sono stati spesi, complessivamente, 9.500 milioni di euro per lavarsi ed abbellirsi ed i cosmetici rientrano nei beni di consumo quotidiano – sottolinea Fabio Rossello, presidente di Cosmetica Italia -. La messa a punto di questa applicazione rientra nel progetto ABC Cosmetici, il sito internet realizzato dall’Associazione e rivolto ai consumatori per imparare ad orientarsi nella scelta dei prodotti e nella comprensione dei loro ingredienti”.

http://noigiovani.it

Lascia un commento