Alzheimer, al San Raffaele la ricerca avanza ipotesi sulla comparsa della patologia

Alzheimer, al San Raffaele la ricerca avanza ipotesi sulla comparsa della patologia

original_alzheimerSecondo uno studio effettuato da un gruppo di scienziati dell’Irccs ospedale San Raffaele di Milano, finanziato dal ministero della Salute, e pubblicato su Radiology, è stata vagliata l’ ipotesi che l’Alzheimer “viaggi” lungo le fibre della sostanza bianca, da una regione all’altra del cervello. Secondo i ricercatori proprio tali anomalie riportate da questa sostanza sarebbero rilevatrici di forme giovanili o atipiche della patologia neurologica. Federica Agosta, ricercatrice presso l’Unità di Neuroimaging quantitativo diretta da Massimo Filippi, e co-autrice dello studio, afferma che : “L’Alzheimer è una malattia della sostanza grigia,tuttavia il danno alla sostanza bianca gioca un ruolo centrale nel determinare le modalità di comparsa e di progressione della patologia, caratterizzata dalla presenza di depositi anomali di placche amiloidi e proteina tau a livello del cervello, e da una progressiva perdita di tessuto cerebrale, ma dall’origine ancora misteriosa. Non è ancora chiaro, infatti, quale sia la miccia che innesca l’Alzheimer”. La squadra del San Raffaele per la ricerca ha utilizzato uno strumento di imaging avanzato, chiamato Dti (Diffusion Tensor Imaging), per studiare la sostanza bianca di 53 pazienti colpiti da 3 tipi diversi di Alzheimer.

http://noigiovani.it

Lascia un commento