A Senigallia con il Summer Jamboree rivivono gli anni 40 e 50

A Senigallia con il Summer Jamboree rivivono gli anni 40 e 50

Brillantina, giubotto di pelle, corpetti e gonne a ruota, cadillac sono solo alcuni elementi contraddistintivi dell’immaginario americano e che per nove giorni rivivranno lungo il litorale adriatico. Per chi avrebbe voluto nascere nei favolosi anni ’50 e vivere in pieno quel periodo, il “sogno americano” potrebbe realizzarsi.

A Senigallia con il Summer Jamboree rivivono gli anni 40 e 50

Si chiama Summer Jamboree ed è il Festival di musica e cultura dell’America anni ’40 e ’50 che caratterizza l’estate europea da ormai 14 anni e quest’anno prenderà vita a Senigallia, dal 3 all’11 agosto con una strepitosa anteprima swing la sera del 2 agosto, affidata ai giocolieri dello swing Slick Steve and the Gangsters.

Considerato uno dei più grandi eventi dell’estate italiana, nonché il più importante Festival del genere in Europa oltre che tra i primi tre Festival del genere al mondo, il Summer Jamboree è un vero riferimento per gli appassionati della cultura dell’epoca possono ascoltare i più famosi e riconosciuti artisti rock and roll in attività.

Ed è nella città marchigiana che gli anni Cinquanta prendono corpo come in un film, tra musica, sfilate d’auto d’epoca e dance party. Per 9 giorni, la città, le piazze, le strade, la spiaggia, il lungomare, sono un tripudio di foulard e scarpe bicolore, jeans col risvolto, cimosa, camice hawaiiane, rossetto rosso fuoco, juke box, vinili e memorabilia vintage di ogni tipo.

Un’immersione totale nei fifties in cui è possibile ascoltare dal vivo e spesso anche incontrare per strada leggende del rock and roll come Chuck Berry, Jerry Lee Lewis, Lloyd Price, Wanda Jackson, The Bobbettes The Teenagers, gli Stray Cats, i Comets di Bill Haley. Insomma, un avvenimento irripetibile.

Per la XIV edizione, in esclusiva e per la prima volta in assoluto in Italia, arriva il grande Duane Eddy, re della twang guitar, considerato uno dei migliori chitarristi di rock and roll, sul cui riverbero corrono anche i fotogrammi del film “Forrest Gump”. E poi Ray Gelato, Junior Watson, Dave Gonzales dei formidabili Paladins, Deke Dickerson, i Big Six, per una scorpacciata di rock and roll, rockabilly, hillbilly, swing, doo wop, Rhythm ‘n’ blues, western swing, ma anche jive, lindy, boogie.

Il Festival, ribattezzato dai fan in brevissimo tempo la “hottest rockin’ holiday on earth”, nasce per rappresentare anche l’aspetto culturale del fenomeno rock and roll, oltre a quello musicale che caratterizzò gli Stati Uniti e poi si diffuse in tutto il mondo.

Tra i pilastri del Festival in questo senso ci sono eventi come l’acclamatissimo emozionante Rock and Roll Review con la big band
Abbey Town Jump Orchestra e una staffetta di special guest (10 agosto); il Burlesque Show and Cabaret (9 agosto); l’Hawaiian Party on the beach che quest’anno raddoppia (7 e 8 agosto); il Dance Camp (9, 10 e 11 agosto) per imparare a ballare in stile e il Rock on the Hills (5 agosto) che porta il rock and roll sulle alture dell’entroterra, nel bellissimo borgo di Corinaldo.
Vi rientrano poi anche presentazioni di libri a tema, come nel caso di “Op op trotta cavallino. Epopea dello swing italiano” di Tiziano Tarli (Armando Curcio Editore), di cui parleranno l’autore e l’esperto Dario Salvatori.

A presentare il Festival quest’anno ci sarà Grace Hall, spesso definita da stampa e media “la regina italiana del Burlesque“, da tempo protagonista indiscussa del Burlesque made in Italy.
A proposito di Burlesque, l’edizione 2013 del malizioso e ironico strip cabaret di epoca vittoriana, riscoperto e rilanciato in tutto il mondo nell’ultimo decennio, si svolgerà nella notte di venerdì 9 agosto e si conferma uno degli appuntamenti più attesi del Summer Jamboree. La location ormai rodata è quella del Mamamia. Sul palco torna la formula Show & Cabaret, ovvero strip show in stile, cabaret, voice and singing. Tre le performer internazionali: LouLou D’vil eletta Miss Exotic World 2013 a Las Vegas; Missy Fatale; Amber Topaz. Ad affiancarle, oltre alla band già collaudata di Benny & The Cats, ci sarà anche Little Victor, musicista trasformista strepitoso. Presenta la frizzante e ironica Miss Sarabin. Sabato 10 agosto, sarà riproposto lo stage di Burlesque che tanto successo ha avuto nell’edizione precedente. A svelarne i segreti sarà una delle protagoniste dello show 2013, la vincitrice di Miss Exotic World: LouLou D’vil!

Il pubblico ha colto perfettamente lo stimolo culturale e social oltre che musicale del Festival e contribuisce a dar vita allo straordinario e unico scenario del Summer Jamboree. Migliaia di persone ogni anno trasformano la città e la sua spiaggia di velluto al
pari di un ideale set cinematografico, facendo un salto nel passato e negli anni d’oro del rock and roll. Vestiti, scarpe, acconciature, make-up, accessori, espositori del mercatino vintage, tatuaggi e gadget, auto e moto, ogni dettaglio dalla A alla Z è in perfetto stile rock and roll.

A coronamento del tutto, ci sono il Rocking Village, il park di auto d’epoca con sfilata finale, il ristorante Cajun e Tex Mex dove gustare i sapori forti dell’America multietnica a cui quest’anno si aggiungerà lo spazio di Via Carducci. Specializzati in modernariato e memorabilia sono gli espositori del grande Mercatino Vintage dove trovare oggetti anche da collezione.

Per chi lo desidera, ci sono la parrucchieria old style quest’anno firmata da L’Oreal, sponsor del Festival e l’ormai immancabile “Travel Ink Tatooes”, lo studio mobile di Greg Gregory per tatuaggi dentro un magnifico Airstream d’epoca in perfetto stile Fifties.

Tra le iniziative riconfermate c’è anche il “Progetto Palloncino” in collaborazione con la Lega del Filo d’Oro onlus, Partner Etico del “Summer Jamboree” per il secondo anno consecutivo. La bella iniziativa permetterà ai presenti di vivere un momento particolarmente delicato e emozionante, mettendosi nei panni di chi non vede e non ode. Si potrà infatti fare esperienza della musica
attraverso altri sensi oltre all’udito, percependo le vibrazioni sonore e il cambio di ritmo grazie a un palloncino, che poi sarà lasciato andare nel cielo notturno. Si tratta di un espediente musicoterapico che porta persone sordocieche anche a ballare.

(Foto di Mauro Sebregondio)

http://noigiovani.it

Lascia un commento