A Bologna Scriba Festival, il mestiere dello scrivere

A Bologna Scriba Festival, il mestiere dello scrivere

Saranno tre giornate incentrate interamente sulla scrittura, quelle che si stanno svolgendo a Bologna a partire da oggi 8 novembre fino al 10. Ritorna in città la seconda edizione di Scriba Festival, la manifestazione, unica nel suo genere, che si occupa dei diversi mestieri dello scrivere.

La kermesse organizzata dal gruppo Finzioni, in collaborazione con l’agenzia The Hook Com, si pone come punto d’incontro tra chi pratica la scrittura a livello professionale nei diversi settori e nelle sue varie forme e chi vorrebbe arrivare a fare lo stesso ma non saprebbe nemmeno a chi rivolgersi.

Tre giorni di incontri, dibattiti e confronti per dare spazio a tutte le professioni della scrittura, spesso ignorate da altre manifestazioni ed eventi culturali. E così per tutta la durata del festival, Bologna si trasformerà in un laboratorio di idee per una nuova riflessione dal vivo sul tema delle scritture per mestiere. Esperti, professionisti e pubblico si confronteranno non solo su come si scrive un romanzo, un blog, il testo di una canzone o la sceneggiatura di un film ma anche su come nascono e si sviluppano alcuni strumenti che fanno parte della vita di tutti i giorni: dalle ricette utilizzate in cucina a un libro per bambini, per arrivare agli oroscopi o al modo di comunicare grazie alle nuove tecnologie (e-book, App, social media).

L’apertura ufficiale di Scriba si è svolta alle 15 di oggi alla Libreria Coop Ambasciatori con la presentazione del festival da parte del direttore Piero Di Domenico e del comitato scientifico formato da Carlo Lucarelli, Paolo Fabbri, Marcello Fois, Michele Cogo e Giampiero Rigosi.

Tra gli appuntamenti, si segnalano:

- al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna l’incontro sul tema La vendita di opere d’arte: sfida tra venditori con verdetto del pubblico condotto da Paolo Fabbri (sabato 9 novembre, ore 18)

- al Museo Archeologico i tre incontri: Le lingue immaginarie (venerdì 8 novembre, ore 17), La critica gastronomica (venerdì 8 novembre, ore 18) e Scrivere per il fumetto (venerdì 8 novembre, ore 19)

“Chi pratica la scrittura sa benissimo che qualsiasi tipo di narrazione è, prima di tutto, un racconto: da una forma più intima, come può essere una lettera o un diario, ai bugiardini delle medicine, ai verbali della polizia per finire alla satira – spiega Carlo Lucarelli – Sono tutte forme di scrittura che hanno un motivo, e soprattutto, un modo per essere fatte. Questo è Scriba: un momento per mettersi a ragionare su tutto quello che ruota attorno a un racconto, partendo dalla cosa scritta per arrivare al motivo per la quale, appunto, è stata scritta. È un festival unico in Italia che, come scrittori, siamo orgogliosi si faccia proprio a Bologna”.

Scriba Festival, pero, sarà anche uno spazio dove far emergere nuovi talenti grazie all’iniziativa ‘Scrivi a Scriba’ riservata a scrittori esordienti che abbiano la voglia di mettersi alla prova attraverso dei testi scritti o con le immagini di un video. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e aperti al pubblico e saranno moderati dagli allievi di Bottega Finzioni, il laboratorio di narrazione fondato da Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi e Michele Cogo. Il festival potrà essere seguito in diretta su Facebook e su Twitter attraverso l’hashtag #Scriba.

 Per maggiori informazioni consultare il sito di Scriba Festival

http://noigiovani.it

Lascia un commento